Lovely Sara


scheda a cura di: Virba
sara per strada

Sara, una bambina di circa 10 anni, si trasferisce dall'India all'Inghilterra insieme al padre, dove entra a far parte del prestigioso collegio di Miss Minci. Data la notevole ricchezza del padre e al fine di consolidare il buon nome del collegio, la direttrice riserverà un trattamento privilegiato alla piccola (che disporrà persino di un cocchiere, Peter, e di un calesse privato). Da subito Sara dimostrerà di essere una bambina gentile e generosa anche con le persone più umili e non appartenenti al suo stesso rango sociale (come Peter e Becky, giovanissima servetta del collegio). Comunque, nonostante la sua straordinaria raffinatezza ed eccellente attitudine scolastica, si guadagnerà l'antipatia di Miss Minci (messa involontariamente in ridicolo da Sara) e dell'invidiosissima Lavinia (che nel confronto con Sara appare goffa e inadeguata in tutto, quindi invidiosa). Nonostante ciò la direttrice continuerà a trattare Sara con riguardo, organizzandole perfino una splendida festa di compleanno, ma che si interromperà bruscamente da una tragica notizia: Sara scoprirà della morte del suo amato padre in seguito a una grave febbre, d'essere rimasta sola al mondo e senza più un soldo (il padre aveva investito tutta la sua fortuna sulla improduttiva miniera di diamanti). Miss Minci, furiosa per aver speso soldi invano senza ottenere nessun prestigio per il collegio, avrebbe volentieri cacciato Sara, lasciandola in balia del proprio destino; ma dietro timido consiglio della sorella, miss Amelia, e valutando che una simile azione avrebbe potuto minacciare la reputazione della scuola, decide di tenerla. Da quel momento Sara diventerà una sguattera, le verrà riservato un trattamento durissimo, la nostra amica patirà ogni sorta di maltrattamento e privazione, costretta ai lavori più duri, patirà la fame e il freddo; verrà picchiata dagli inetti e mediocri Molly e James; subirà continui tentativi di umiliazione da parte di Lavinia, diventata ora studentessa di riguardo. Tuttavia queste tristi vicende porteranno alla luce le straordinarie qualità umane di Sara: la sua forza d'animo e soprattutto la straordinaria generosità verso un mondo a lei prima sconosciuto: quello dei più deboli e umili. La vedremo spesso dividere una già misera porzione di cibo con Bechy e con dei topolini, sopporterà i momenti più difficili grazie alla sua fervida immaginazione e riversando il suo bisogno d'amore, le proprie cure alla bambola Emily (ultimo ricordo del padre). Ma improvvisamente c'è una svolta...nell'abitazione accanto al collegio arriva uno strano signore su una sedia a rotelle circondato da servitori e manufatti indiani. Sara è molto incuriosita dall'uomo, che le ricorda i tempi di quando anche lei viveva in India col padre, e lo osserva nei pochi momenti liberi dalla finestra della sua soffitta. Ma anche Ram Dass, l'attendente indiano del misterioso inquilino la nota e vede le terribili condizioni di vita che le vengono imposte. In realtà il nuovo abitante della casa accanto, è Mr Chrisford, l'amico che aveva convinto il padre di Sara ad investire tutti i suoi averi nella miniera di diamanti. La miniera, apparentemente improduttiva, alla fine si è rivelata ricchissima ed ora l'uomo ha come unico scopo della sua vita di ritrovare la figlia perduta dell'amico morto, per adottarla e per consegnarle le sue incredibili ricchezze. Ma non sa nulla di lei, non sa neppure il suo nome, forse mai rivelatogli dal padre. Crede che sia stata mandata a studiare a Parigi (la città natale della madre) e sta facendo effettuare ricerche dal suo avvocato in tutti i collegi della capitale francese. Non sa invece che la ragazzina che sta cercando è accanto a lui, praticamente dall'altra parte del muro. Ma un triste giorno l'avvocato ritorna dopo il suo ultimo lungo ed estenuante viaggio, ammettendo che tutte le ricerche sono state vane: la ragazza è introvabile. Improvvisamente suona il campanello: è Sara che ha riportato la scimmietta di Ram Dass, che era scappata e si era rifugiata nella sua soffitta, la ragazza viene portata al cospetto del padrone di casa e nonostante gli stracci che indossa, dimostra subito di avere ricevuto un'ottima educazione e quando Mr Chrisford le chiede come mai lei conosca la lingua indiana, Sara comincia a raccontare la sua storia, ben presto l'amico del padre capisce di trovarsi di fronte alla ragazza che per anni aveva cercato. Ecco il lieto fine, Sara ritrova la ricchezza, ma non per questo cambierà il suo modo di essere, anzi si dimostrerà generosa sia con tutti gli amici che l'avevano aiutata durante i momenti più duri della sua vita (Bechy andrà a vivere con lei, come dama di compagnia ed amica), sia con coloro che l'avevano disprezzata ed umiliata (sovvenzionerà il collegio di Miss Minci con un ricco assegno). Commento personale: Storia decisamente drammatica, spesso le puntate sono caratterizzate da sofferenza e tristezza, anche se si alleggerirà il tutto con un lieto fine. La storia comunque è molto appassionante e sicuramente fa parte di quella ondata di cartoni animati tipici anni 80 caratterizzati da racconti piuttosto crudi e reali, al contrario di spensieratezza e divertimento, al fine di dare un insegnamento morale ai bambini. In questo anime il significato finale è quello di dimostrare che nonostante le avversità non bisogna mai dimenticarsi di essere se stessi e di portare rispetto, alla fine sicuramente i sacrifici e le sofferenze verranno ripagati.

torna in alto
discutine sul forum